La tecnologia High Performance Computing di ANSYS si rivela fondamentale per il team di Formula 1 Red Bull

  

Le soluzioni HPC assicurano una conoscenza precisa delle prestazioni della vettura in tempi brevissimi

 

Milano, novembre 2011 – Favorita dalle migliorie nella progettazione assicurate dall’uso della simulazione ANSYS (Nasdaq: ANSS) - azienda leader dell’innovazione nel campo delle tecnologie di simulazione per ottimizzare i processi di progettazione e sviluppo di prodotto – la nota scuderia Red Bull Racing si è aggiudicata entrambi  i titoli di campione del mondo Piloti e Costruttori 2011 per il secondo anno consecutivo. Avvalendosi delle soluzioni ANSYS® High-Performance Computing (HPC) - che offrono risultati di analisi accurate in tempi rapidi anche per simulazioni dettagliate di grandi dimensioni - il team Red Bull Racing ha via via ottimizzato e velocizzato la progettazione della vettura in un ambiente di test virtuale su un cluster di computer multi-core. Le conoscenze acquisite hanno garantito al team un vantaggio decisivo in termini di velocità in pista.

 

Il successo, risultato notevole per una squadra così giovane, è stato avvalorato dal doppio podio ottenuto in occasione del Gran Premio di Corea, che ha confermato in modo inequivocabile la leadership del team con la conquista  rispettivamente di 140 e 127 punti nei campionati Costruttori e Piloti. Red Bull Racing è stata ampiamente riconosciuta come la scuderia che sviluppa le vetture più veloci della F1.

 

Se da un lato la tecnologia di simulazione fluidodinamica viene ampiamente utilizzata per prevedere e gestire i flussi d’aria intorno alle vetture di F1 per aumentarne le prestazioni, dall’altro le limitazioni di tempo imposte a tutti i team richiedono simulazioni rapide, affidabili ed efficienti, che consentano però di mantenere un buon livello di precisione. Quale utente di lungo corso delle soluzioni HPC di ANSYS, Red Bull Racing ha potuto beneficiare dei più recenti sviluppi tecnologici. I processori (CPU) ad alta velocità - e tecnologie correlate - vengono normalmente impegnati per elaborazioni complesse. Grazie ai significativi miglioramenti HPC che ANSYS offre con ogni nuova versione, il team Red Bull Racing è in grado di risolvere un maggior numero di modelli semplici entro lo stesso periodo di tempo, nonché di simulare più velocemente modelli completi contenenti centinaia di milioni di celle. Il grande valore non è solo nel software, ma anche nel supporto tecnico che il team ANSYS è in grado di fornire e che permette ai clienti di implementare correttamente ed efficacemente la simulazione, adattandola ai processi dell’azienda.

 

“La tecnologia HPC di ANSYS ha reso possibile testare e implementare i cambiamenti in modo rapido e competitivo”, ha dichiarato Nathan Sykes, Team Leader CFD presso Red Bull Racing. “Questo ci permette di ottenere velocemente i risultati della simulazione di molteplici progetti durante le prove di qualificazione di venerdì e sabato e offre al nostro team aerodinamico i risultati necessari e affidabili di cui necessitano su cui basare decisioni di progetto di vitale importanza per la gara della domenica”.

 

Il feroce livello di concorrenza in F1 - fuori e dentro la pista - induce i team di ingegneria a realizzare le proprie automobili nel minor tempo possibile. “Per conservare la libertà di innovare e adattare velocemente la macchina, ci affidiamo a un processo di modellazione robusto che ci aiuta a “mettere in pista” nuovi progetti in tempi brevi. Per realizzare il nostro obiettivo, abbiamo continuamente bisogno di sfruttare tecnologie che ci aiutino a inserire e valutare nuove idee. Per via della significativa riduzione dei tempi di elaborazione registrati negli ultimi tre anni, le soluzioni HPC di ANSYS continuano a rappresentare la tecnologia da noi preferita”, ha concluso Sykes.

 

“In qualità di partner nell’innovazione di Red Bull Racing, ANSYS è impegnata nel fornire un elevato valore di business. Le prestazioni di Red Bull Racing nel campionato negli ultimi due anni testimoniano perfettamente la potenza delle nostre soluzioni HPC”, ha commentato Wim Slagter, ANSYS HPC product strategy manager. “Impiegare la nostra esperienza e conoscenza del settore nel miglioramento delle soluzioni HPC offre ai clienti la possibilità di trarre il massimo profitto dai loro investimenti in software e hardware”.

 

Red Bull Racing 

Red Bull Racing è uno dei due team di Formula Uno di proprietà della società austriaca di bevande energetiche Red Bull (l’altro è la Scuderia Toro Rosso). Il team Red Bull ha sede a Milton Keynes nel Regno Unito, nonostante sia proprietaria di una licenza di racing austriaca. Red Bull Racing si è costituita alla fine del 2004 e da allora ha successi migliorato rapidamente il proprio posizionamento nelle competizioni di Formula 1. Nel 2010, alla sola sua sesta stagione di Formula Uno, Red Bull Racing ha vinto sia il Campionato Costruttori che Piloti. Il team ha difeso con successo entrambi i titoli nel 2011, precedendo altre scuderie che vantano molta più esperienza.

 

 

ANSYS, Inc.

ANSYS Inc., fondata nel 1970, sviluppa e commercializza software di simulazione utilizzati da progettisti e ricercatori nei più diversi ambiti ingegneristici. L’azienda si concentra sullo sviluppo di soluzioni CAE aperte e flessibili che permettono agli utenti di analizzare e verificare i progetti in modo virtuale, offrendo una piattaforma software integrata che assicura uno sviluppo rapido, efficace ed economico dalla prima concezione del prodotto fino alla sua definizione finale. Con sede a Canonsburg, Pennsylvania, U.S.A., e uffici in 60 paesi, ANSYS Inc. ha un organico di oltre 2000 dipendenti che offrono soluzioni software, formazione e supporto, e distribuisce i suoi prodotti anche attraverso una rete di partner in 40 paesi.

 

ANSYS, ANSYS Workbench, Ansoft, AUTODYN, CFX, FLUENT e qualsiasi marchio, prodotto o servizio caratterizzato dal brand ANSYS, tra cui loghi e slogan, sono marchi registrati o marchi di fabbrica di ANSYS, Inc. o delle sue affiliate negli Stati Uniti o in altri paesi. Tutti gli altri marchi, prodotti, servizi o nomi appartengono ai rispettivi proprietari